Pallavolo San Giustino: il match di oggi 26 dicembre

26 Dicembre 2022

LA ERMGROUP SAN GIUSTINO PIEGATA (1-3) A MACERATA DALLA MED STORE TUNIT DOPO UN SECONDO E UN TERZO SET DI ECCELLENTE LIVELLO

MED STORE TUNIT MACERATA – ERMGROUP SAN GIUSTINO  3-1

(25-18, 22-25, 25-23, 25-17)

MED STORE TUNIT MACERATA: Morelli 26, Luisetto 7, Lazzaretto 2, Margutti 3, Ravellino, Kindgard 5, Wawrzynczyk 19, Gonzi, Pizzichini 7, Gabbanelli (L) ricez. 60%. Non entrati: De Col, Bacco. All. Flavio Gulinelli e Michele Caldarola.

ERMGROUP SAN GIUSTINO: Hristoskov 26, Marra (L1) ricez. 71%, Daniel, Sitti 1, Ingrosso 4, Skuodis 2, Cappelletti 15, Antonaci 8, Quarta 10. Non entrati: Cioffi, Karimi (L2), Stoppelli, Procelli, Cipriani. All. Marco Bartolini e Mirko Monaldi.

Arbitri: Luca Grassia di Frascati e Marco Laghi di Bagnacavallo.

MACERATA: battute sbagliate 11, ace 2, muri 10, ricezione 56% (perfetta 34%), attacco 52%, errori 19.

SAN GIUSTINO: battute sbagliate 20, ace 4, muri 5, ricezione 53% (perfetta 19%), attacco 49%, errori 25.

 

Durata set: 25’, 25’, 29’ e 22’, per un totale di un’ora e 41’.

 

 

MACERATA – La ErmGroup San Giustino chiude l’anno solare 2022 con un’altra sconfitta per 1-3 al Banca Macerata Forum per opera della più quotata Med Store Tunit nella prima giornata di ritorno (14esima complessiva) del campionato di Serie A3 Credem Banca, girone Bianco. Alla distanza, i padroni di casa hanno imposto la loro superiorità e la parte mezza piena del bicchiere è costituita per i biancazzurri dai due set centrali, nei quali la formazione di Marco Bartolini si è aggiudicata con pieno merito il secondo e, dopo aver raggiunto gli avversari, è caduta sul filo di lana nel terzo. Ricezione e difesa aggiustate, muro e battuta più efficaci e una buona percentuale in attacco, specie al centro, avevano consentitoa Marra e compagni di mettere alle corde i padroni di casa, mentre l’avvio stentato e il cedimento nella quarta frazione hanno spianato la strada alla compagine di Flavio Gulinelli. Sul piano individuale, i 26 punti e il 48% di prolificità giocano in favore di Hristoskov, che però ha avuto anche qualchemomento di appannamento. Positive, alla resa dei conti, le prestazioni di Cappelletti e Quarta e dal secondo set in poi è sempre rimasto in campo il neo-acquisto Ingrosso, autore dei primi punti con la nuova maglia. Sul versante Med Store Tunit, 26 punti anche per l’opposto Morelli, la pedina più temibile, non dimenticando i 19 di Wawrzynczyk, il contributo a muro di Pizzichini e la regia di Kindgard.

Gulinelli schiera la diagonale Kindgard-Morelli, Luisetto e Pizzichini al centro, Wawrzynczyk e Margutti a lato e Gabbanelli libero. Bartolini ripropone in partenza il 6+1 divenuto di base: Sitti palleggiatore, Hristoskov opposto, Quarta e Antonaci al centro, Cappelletti e Skuodis alla banda e Marra libero. Partenza a razzo dei marchigiani con la difesa molto attenta e Morelli e Wawrzynczyk già in palla: in poco tempo, arrivano sul 5-1 in loro favore e solo Hristoskov e Antonaci replicano per San Giustino, anche se il divario accusato in partenza si trasforma nello “zoccolo duro” che determinerà l’esito del primo set. La ErmGroup non è pulita in ricezione, Cappelletti punge in battuta con un ace, ma quando Skuodis subisce due muri di seguito la situazione è di 13-7 per Macerata, che gestisce al meglio i cambi palla e quando va a segno in battuta con Margutti per poi aggiungere un contrattacco di Wawrzynczyk (20-13), ha di fatto già incamerato l’1-0, con Morelli sempre pericoloso e Margutti che chiude sul 25-18.

La seconda frazione sembra ricalcare la falsariga della prima nl momento in cui la pipe di Cappelletti termina out e i locali vanno sul 4-2. Il muro di Quarta su Wawrzynczyk e il successivo primo tempo vincente, sempre di Quarta, fanno però cambiare il vento della partita e adesso è la ErmGroup ad alzare la voce sul turno in battuta di Hristoskov fino al 7-4 in suo favore. San Giustino si è sbloccato e i fondamentali stanno funzionando: un ace di Sitti e il muro di Hristoskov su Wawrzynczyk firmano il massimo vantaggio sul 13-8, per quanto la risposta della Med Store Tunit sia immediata e, sull’errore di posizione in battuta che la riporta a -1 (13-14), Bartolinisi vede costretto a chiedere il time-out. L’inseguimento si completa sull’ace di Wawrzynczyk (15-15), ma è in questo frangente che la ErmGroup dimostra lucidità e freddezza, riprendendo in mano il controllo del match. Ingrosso rileva Skuodis, poi due contrattacchi di Antonaci e Hristoskov e una conclusione fuori bersaglio di Morelli spezzano di nuovo l’equilibrio in favore della ErmGroup, che passa a condurre per 23-19 e si aggiudica il set per 25-22 sull’attacco di Hristoskov: palla fuori, non fosse però per l’invasione rilevata a Margutti.

La sfida sale di tono ed entrambe le squadre se la battono ad armi pari, con Ingrosso che resta in campo per la ErmGroup. La breve parentesi negativa di Hristoskov (che subisce un muro e poi attacca colpendo l’asticella) favorisce l’allungo di Macerata, che si ferma tuttavia sul 12-9 perché un fallo di Lazzaretto risolve per San Giustino un’azione prolungata con ottimo lavoro in difesa e di seguito Quarta piazza il primo tempo del 12 pari. Nuovo tentativo dei marchigiani e pronta reazione sangiustinese, grazie a una ricezione più ordinata; non solo: il contrattacco vincente di Ingrosso e l’ace di Cappelletti (che comunque dai nove metri ha sofferto più del solito) ribaltano il tutto sul18-16 per la ErmGroup, che all’improvviso si arena a causa di una ricezione di nuovo incerta: sta di fatto che il muro a tre su Ingrosso e due prodezze di Morelli portano laMed Store Tunit sul 23-20. Non è finita: Lazzaretto sbaglia e allora rientra Margutti,mentre Morelli subisce da Quarta il muro del 23-23. Time-out chiesto da Gulinelli e al rientro Ingrosso sbaglia la battuta, poi a sistemare le cose provvede Morelli con un mani fuori d’esperienza su Cappelletti e, seppure non senza affanni, Macerata la spunta per 25-23, portandosi sul 2-1.

Senza storia la quarta frazione: la palla lunghissima di Hristoskov, quella contesa a rete che vede prevalere Pizzichini e ancora Morelli determinano un 6-1 d’acchito che registra solo un timido tentativo di riavvicinamento dei biancazzurri (4-7) sull’ace di Cappelletti. Macerata gestisce al meglio i cambi palla e alza il muro, guadagnando un margine di sicurezza (15-8) confortato da un andamento generale che evidenzia come la ErmGroup stia lentamente mollando. Un pallonetto morbido di Morelli, il primo tempo di Luisetto e la doppia fischiata in palleggio a Sitti (19-10) scrivono di fatto i titoli di coda. Gli ultimi colpi sono piazzati da Wawrzynczyk e il punto finale del 25-17 per la Med Store Tunit arriva sull’errore al servizio di Cappelletti. La ErmGroup scende in classifica di una posizione, dalla settima all’ottava e domenica 8 gennaio, alla ripresa dopo la sosta, arriverà al palasport la Tmb Monselice in una di quelle partite nelle quali sarà tassativamente vietato sbagliare.    

26 dicembre 2022

 

Ufficio stampa

ErmGroup Pallavolo San Giustino